Questa persona non esiste!

Si chiama “This person does not exist” (questa persona non esiste). E’ la pagina web che crea volti umani, incredibilmente realistici, ad opera dell’ingegnere informatico Uber Phillip Wang.

La pagina utilizza Il codice (StyleGAN) che è stato scritto dai ricercatori di Nvidia, citato in un documento accademico della Cornell University; tale codice sfrutta l’algoritmo di intelligenza artificiale denominato GAN (generative adversarial networks).

I ricercatori hanno addestrato un computer a generare volti umani, prendendo le informazioni da 70.000 immagini estratte dal noto sito di condivisione fotografica Flickr. Un video dimostrativo spiega: “Abbiamo creato un nuovo generatore che impara automaticamente a separare diversi aspetti delle immagini senza alcuna supervisione umana

Ovviamente quelle persone non esistono nè, probabilmente, esisteranno mai ma, ad un primo impatto, a meno che non si tratti di un occhio particolarmente esperto, sembrano assolutamente reali; immagina se: “la prossima volta che tua nonna ti chiede quando ti sistemerai con una ragazza carina, potrai generare una foto e mostrargliela“, come fa notare il blog thenextweb.com.

Il risultato è stupefacente ed un tantino inquietante, se si pensa ai possibili impieghi di una simile tecnologia, soprattutto nelle mani sbagliate. Pensiamo, per esempio, ai truffatori che utilizzano documenti falsi per organizzare le proprie truffe; ecco una fonte inesauribile di false identità.

Lo stesso Wang, che ha pubblicato un post sul gruppo Facebook  “Artificial Intelligence & Deep Learning” presentando il suo sito, ha scritto: «Ho deciso, di tasca mia, di creare questa pagina per sensibilizzare l’opinione pubblica», «il gruppo di ricerca ha anche inserito modelli pretrained per gatti, auto e camere da letto».

Del resto, come tutte le tecnologie, a seconda di chi le sfrutta e del fine, anche quest’ultima può avere implicazioni positive o negative. Si può immaginare come essa possa influire positivamente, ad esempio, nel futuro sviluppo dei videogames.

Quel che è certo è che, nonostante i volti siano ancora “tecnicamente imperfetti”, quando ci si trova di fronte a questa pagina web è quasi impossibile smettere di premere su aggiorna per ammirare altri volti generati dall’I.A. Provare per credere…

Omegadvisor.com

Grazie per la lettura! 
Al prossimo articolo…

Se l’articolo ti è stato utile,
condividilo!
Mi saresti di grande aiuto.
Grazie!

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: